Policy su cookie

Ricoh utilizza strumenti di raccolta dati, come i cookie, per fornire all’utente un’esperienza migliore quando utilizza il sito. Per modificare le impostazioni e ottenere ulteriori informazioni sui cookie, fare clic qui.

Le scosse elettrostatiche

Il Quality Assurance Center di Ricoh ha condotto delle ricerche per verificare la natura delle scosse elettriche che alcuni utenti sostengono di avere avvertito durante l'utilizzo dei multifunzione Ricoh. È stato appurato che si tratta di "scosse di elettricità statica", innocue per l'uomo.

Abbiamo pertanto deciso di fornire alcune informazioni sulle scosse elettrostatiche e sulle precauzioni che si possono prendere per evitarle.  Perché si verificano le scosse elettrostatiche? È possibile avvertire una scossa elettrostatica quando si tocca la maniglia in metallo di una porta. L'elettricità statica segue la stessa dinamica del fulmine. Il fulmine è provocato dall’elettricità statica che si accumula nelle nuvole e che viene scaricata al suolo. L'elettricità statica accumulata nel nostro corpo, invece, viene scaricata al suolo attraverso la maniglia della porta. È possibile avvertire una sensazione di fastidio quando la corrente passa attraverso le nostre dita.

La differenza di potenziale elettrico (voltaggio) tra il nostro corpo e la maniglia della porta è relativamente alta, ovvero alcuni kV (chilovolt), ma il valore della corrente scaricata è molto basso, ovvero alcuni micro ampere. Ciò significa che, a differenza delle scosse elettriche provocate da un fulmine, quello che si avverte è solamente un piccolo fastidio.

Sono state prese delle precauzioni per ridurre al minimo i rischi derivanti da occasionali scosse elettriche dovute al contatto con copiatrici o stampanti. Oltre a essere conforme agli standard internazionali IEC (www.iecee.org), la maggior parte delle stampanti da ufficio è classificata come dispositivo di Classe 1 con messa a terra dei componenti metallici all'interno e all'esterno della macchina.

Quando una parte del nostro corpo, caricata elettricamente, viene in contatto con il dispositivo, l’elettricità statica del corpo si scarica attraverso le parti metalliche con messa a terra: come conseguenza è possibile avvertire una piccola scossa. Si tratta della stessa "elettricità statica" che si avverte quando si tocca la maniglia di una porta oppure quando si sale o si scende dalla macchina.  Che cosa influisce sulle scosse elettrostatiche? L’ambiente in cui ci troviamo e gli indumenti che indossiamo possono aumentare o diminuire la possibilità di avvertire scosse elettrostatiche. Il nostro corpo accumula elettricità se calziamo scarpe prodotte con materiali che non conducono elettricità oppure se indossiamo capi che favoriscono l’accumulo di elettricità statica.

È inoltre più probabile che si verifichino scosse elettrostatiche se ci troviamo in un ambiente secco con tappeti o moquette, dove l’elettricità non viene facilmente scaricata.  Le scariche elettrostatiche sono dannose per l’uomo? Le scariche elettrostatiche non provocano danni fisici all’uomo ma solo una leggera sensazione di fastidio.  Come si possono evitare le scosse elettrostatiche? È difficile eliminare del tutto le scosse elettrostatiche. Si possono comunque prendere delle precauzioni per ridurne la frequenza e l’intensità:

• Indossare capi di materiale non sintetico 

• Indossare scarpe con suola di cuoio 

• Mantenere l’umidità al di sopra del 50% (un’umidità inferiore al 20% favorisce l’accumulo di carica elettrostatica) 

• Utilizzare tappeti realizzati con materiale antistatico 

• Stendere di fronte alla stampante un tappeto in materiale antistatico 

• Utilizzare sedie realizzate con materiali conduttori ed evitare materiali sintetici come il nylon o il poliestere