Policy su cookie

Ricoh utilizza strumenti di raccolta dati, come i cookie, per fornire all’utente un’esperienza migliore quando utilizza il sito. Per modificare le impostazioni e ottenere ulteriori informazioni sui cookie, fare clic qui.

I lavoratori adesso cercano la ‘corrispondenza perfetta’ dei valori con i datori di lavoro

Londra/Wallisellen, 24 maggio 2019 – La forza lavoro di oggi è più unita che mai nella richiesta di un cambiamento radicale relativo al modo in cui tutti noi lavoreremo in futuro. Non è più sufficiente misurare soltanto il successo finanziario, con i dipendenti di tutte le generazioni* che invitano le imprese a essere una forza positiva e a guidare il cambiamento concreto nel mondo. 

La ragione? Il confine tra la nostra sfera personale e quella professionale è sempre più sottile in quanto la tecnologia ci libera dal tradizionale orario d’ufficio 9-17. La scelta della nostra professione e del modo in cui decidiamo di lavorare sta diventando sempre più un fattore determinante nella definizione di noi come individui. Ciò sta spingendo i dipendenti di tutte le età a chiedersi se la loro visione e i loro valori combacino perfettamente con quelli del loro datore di lavoro.

David Mills, amministratore delegato di Ricoh Europe, afferma: “in un’epoca di visioni contrapposte, la nostra ricerca rivela che i dipendenti sono uniti nella richiesta che le imprese si attengano a standard morali ed etici più elevati. Stiamo assistendo a una maggiore comprensione del fatto che ogni azione contribuisce alla visione d’insieme, arrivando quindi alla consapevolezza che l’impatto collettivo delle imprese può essere significativo per garantire un futuro migliore alle generazioni a venire”.

Una nuova ricerca commissionata da Ricoh Europe1 rivela che:
  • Il 64% dei lavoratori concorda sul fatto che la sostenibilità debba essere al centro delle strategie aziendali e di prodotto nei prossimi cinque-dieci anni
  • Una media del 65% di tutte le generazioni crede nei valori e negli ideali della propria azienda
  • I dipendenti sono personalmente coinvolti nei loro ambienti di lavoro, con una media del 59% di tutte le generazioni che considera il proprio lavoro un fattore chiave nella definizione di loro come individui
  • Una media del 63% di tutte le generazioni pensa che il modo di lavorare cambierà radicalmente nei prossimi cinque-dieci anni

I dipendenti ritengono inoltre che un datore di lavoro responsabile dovrebbe anche interessarsi dello sviluppo delle competenze della forza lavoro digitale e dell’innovazione nei rispettivi settori. I lavoratori considerano le nuove tecnologie un fattore fondamentale che guida questo cambiamento. Il 63% concorda sul fatto che le tecnologie dovrebbero avere un ruolo chiave per consentirgli di lavorare al meglio delle proprie capacità. Allo stesso tempo, il 69% crede che i migliori ambienti di lavoro investano nelle tecnologie digitali per sviluppare le competenze del personale.

Mills aggiunge: “non sono solamente le giovani generazioni che vogliono che le aziende agiscano. Stiamo vedendo tutti i gruppi di età unirsi nella richiesta collettiva di introdurre modalità lavorative più sostenibili e responsabili. Ciò significa operare in armonia con l’ambiente, dimostrando rispetto per i propri dipendenti così come per l’intera società in cui opera un’azienda. In Ricoh, lo stiamo facendo prendendo iniziative per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, incluso l’impegno per ridurre le nostre emissioni di CO2 a zero entro il 2050. Come capi aziendali, abbiamo il dovere di ascoltare la nostra forza lavoro e noi li capiamo perfettamente quando si parla di visione d’insieme”.

Per saperne di più visita il sito http://thoughtleadership.ricoh-europe.com/chit.

*A titolo di riferimento, le generazioni sono state definite per anno di nascita come di seguito: : 
  • Baby Boomers: 1946 – 1964 
  • Generazione X: 1965 – 1980 
  • Generazione Y: 1981 – 1995 
  • Generazione Z: 1996 – Oggi

1Le statistiche di ricerca si basano su un sondaggio che ha coinvolto 4580 dipendenti di ufficio provenienti da 24 paesi della regione EMEA, condotto da Coleman Parkes e commissionato da Ricoh Europe. 

| Ricoh |

Ricoh favorisce lo sviluppo di luoghi di lavoro digitali grazie a tecnologie e servizi innovativi che consentono ai singoli di lavorare in modo più intelligente. Per più di 80 anni Ricoh ha dato im-pulso all’innovazione ed è un fornitore leader di soluzioni di gestione dei documenti, servizi IT, stampa commerciale e industriale, fotocamere digitali e sistemi industriali.

Il gruppo Ricoh, la cui sede centrale è situata a Tokyo, opera in circa 200 paesi e regioni. Nell’anno finanziario conclu-sosi a marzo 2019, Ricoh Group ha registrato delle vendite mondiali pari a circa 2.013 miliardi di yen (circa 18,1 miliardi di USD).


Per ulteriori informazioni per la stampa contattare:
Ricoh Svizzera SA 
Rolf Kälin
Director Marketing
Hertistrasse 2
8304 Wallisellen
Telefono: 044 832 32 61                                                          
E-Mail: rolf.kaelin@ricoh.ch
Sito web: www.ricoh.ch/it
Visitateci su Facebook: www.facebook.com/ricohschweiz
Seguiteci su LinkedIn: www.linkedin.com/showcase/ricoh-suisse-sa/
Seguiteci su XING: www.xing.com/companies/ricohschweizag
Seguiteci su Twitter: https://twitter.com/ricohschweiz